20 novembre 2008

Fida pascolo e uso civico del pascolo

L'uso civico del pascolo è un diritto di godimento collettivo spettante ai membri di una collettività, su terreni di proprietà comunale (o anche di terzi) con formazioni vegetali a copertura erbacea, o variamente stratificata con cespugli e alberi, in grado di fornire, permanentemente o temporaneamente, una fonte alimentare a prevalente utilizzazione diretta da parte degli animali e contemporaneamente anche rifugio e protezione.

La fida pascolo è la tassa per l'esercizio del diritto di uso civico del pascolo, riservato ai residenti, sui demani civici comunali o anche di terzi, in rapporto ai capi di bestiame posseduti. E' un contributo per la gestione dei beni di uso civico e non un canone di natura concessoria.

Nel diritto agrario e feudale, la fida (o affidatura) è un antico tipo di servitù prediale fondato sul jus affidaturae e consistente in un corrispettivo sul pascolo in favore del feudatario dalle comunità locali. Oggi la fida pascolo è la tassa (art. 4 della Legge 16 giugno 1927, n. 1766, e nei limiti dell'art. 46 del RD 332/1928) dovuta dagli allevatori autorizzati a condurre i propri animali in territori di demanio civico di pascolo appartenenti ad una determinata collettività di abitanti.

La giurisdizione del giudice ordinario sussiste in via generale in tema di diritti soggettivi dei privati, ove non sia espressamente derogata; va pertanto affermata la giurisdizione dell’ago (autorità giudiziaria ordinaria) nella controversia relativa alla determinazione della «fida» da corrispondere per il pascolo alla università agraria (o Comune), essendo essa un contributo per la gestione dei beni di uso civico e non un canone di natura concessoria, in quanto il rapporto che si instaura tra università agrarie (o Comune in qualità di ente esponenziale della collettività) e utenti realizza una proprietà collettiva in capo agli utenti e non è assimilabile a quello tra ente pubblico proprietario di beni demaniali e privato titolare di concessione (Cass. S.U. , 11 marzo 2004 n. 5050 - Fida di pascolo - funzione - giurisdizione).

Nessun commento:

Posta un commento